Seleziona una pagina

Alzare l’Iva non è il male peggiore

Ha senso temere per l’economia, in questa crisi politica tanto incerta nei suoi esiti. Ma i rischi che i politici evocano sono distanti dalla realtà. Si dipinge come una catastrofe l’aumento dell’Iva; appare apocalittico iniziare il 2020 con un periodo di esercizio provvisorio del bilancio dello Stato

Premier al bivio, pronto a dimettersi

L’ULTIMA VOCE è che Conte martedì si dimetterà. Di sicuro, attaccherà Salvini in Aula. Chiuso, almeno per il momento, il forno leghista, il premier non si farà alcuno scrupolo a dire che il governo è fallito per colpa del Carroccio, che i suoi strappi istituzionali hanno creato problemi, che è venuto meno ogni rapporto e via così.

Asse Pd-5 Stelle, Di Maio nel mirino. Calenda minaccia: fondo un partito

A MANO a mano che l’ora della verità si avvicina, esplodono i dolori nel Pd. Perché la chiusura della finestra leghista a Palazzo Chigi non porta automaticamente ad aprire quella democratica: ragion per cui Zingaretti, che ha mille e un motivo per preferire le elezioni a un esecutivo con i grillini, suggerisce ai suoi di muoversi con cautela: «Finché Conte non chiarisce che cosa intende fare, non ci dobbiamo sbilanciare».

Argentina in crisi nera Rischio default più vicino

CRESCE il rischio di default per l’Argentina. L’incertezza politica, legata alla sconfitta subita dal presidente Mauricio Macri alle elezioni primarie, in vista delle elezioni del 27 ottobre prossimo, è costata al rating sovrano del Paese sudamericano un doppio downgrade.