Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 10/10/19
Pubblicato in: Ambiente, Rifiuti
Scritto da: Silvia Bini
Pubblicato su: LA NAZIONE CRONACA PRATO

È GIA’ AL LAVORO la task force contro il degrado. Due agenti di polizia municipale e un ispettore ambientale anche ieri hanno battuto in lungo e in largo la zona di via Pistoiese e via Filzi. L’obiettivo? Scoraggiare la brutta abitudine della comunità cinese di gettare rifiuti praticamente ovunque e senza nessuna regola. Il progetto è stato voluto dall’assessore alla polizia municipale Flora Leoni e dalla collega all’ambiente Cristina Sanzò, anche dopo le sollecitazioni dei cittadini esasperati dalla convivenza coi rifiuti, talmente esasperati da minacciare in estate un esposto per attentato alla salute pubblica.
DI CERTO i due agenti e l’ispettore ambientale ne hanno di materiale sul quale lavorare: anche ieri mattina, quando li abbiamo «accompagnati» nel loro giro, non c’è voluto molto prima di incontrare la prima discarica abusiva e nemmeno per incontrare… la seconda. Sono bastati pochi passi dopo aver lasciato la macchina in via Pistoiese, all’altezza del supermercato, che subito si è materializzata davanti agli occhi una bella catasta di cartoni ammassati sul marciapiede. Poco più avanti abbiamo visto cestini stracarichi di sacchi dell’immondizia, poi ancora cassette di polistirolo ammassate davanti alla vetrina della pescheria. Tutto questo in poche centinaia di metri di via Pistoiese. E in via Filzi non va meglio, tanto meno nelle strade secondarie che costituiscono il reticolo di vie e viuzze della zona di San Paolo. Il bilancio di quattro ore di passeggiata anti-degrado è di dieci segnalazioni ad Alia: più o meno è questa la media giornaliera. In questa prima parte del progetto non sono previste sanzioni, ma soltanto un intervento di informazione e sensibilizzazione. Gli agenti si spostano a piedi, osservano, intervengono in caso di necessità e informano. Tutto questo avviene insieme all’ispettore ambientale che fotografa, fa un rapporto dettagliato dei rifiuti trovati e invia la segnalazione ad Alia per l’intervento di recupero delle discariche abusive. Una volta terminato questo primo periodo di sensibilizzazione allora scateranno anche le multe. «Prima ci sarà una fase di informazione, ma poi non ci saranno più scusanti», conferma l’assessore alla polizia muncipale Flora Leoni. I comportamenti sbagliati sul conferimento dei rifiuti non potranno essere tollerati a lungo perché, come è emerso anche ieri mattina, l’immagine della città nella zona di via Pistoiese continua ad essere terribile, trasmette una sensazione di grande degrado e abbandono.
«LA NOSTRA presenza ha anche una valenza sociale, le persone del posto spesso si sentono abbandonate, ma non è così – aggiunge Leoni – Con gli agenti di prossimità vogliamo riappropriarci del territorio». Nel Macrolotto zero Alia compie già un super lavoro, con quattro passaggi al giorno per ripulire le strade. Adesso questo nuovo servizio. In campo ci sono sei agenti di polizia municipale, quattro ispettori ambientali di Alia (uno parla il cinese) e due operatori civici di madrelingua cinese che si alternano su tre turni giornalieri, dalle 7,30 a mezzanotte. La composizione è studiata in modo che in squadra ci sia sempre qualcuno che parli il mandarino. D’ora in poi sarà difficile dire «non ho capito».

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email