Seleziona una pagina

Fitch conferma il rating dell’Italia a «BBB»

Il debito italiano evita il downgrade di Fitch. Temuto alla vigilia, esorcizzato nelle dichiarazioni («diranno la loro, e noi diremo la nostra», (spiegava ieri mattina il sottosegretario a Palazzo Chigi Giancarlo Giorgetti), il giudizio arrivato in serata mantiene ai nostri titoli di Stato la tripla B con outlook negativo, senza aggiungere il «meno» che li avrebbe schiacciati all’ultimo scalino degli investimenti considerati «sicuri».

Gli italiani e il voto: l’economia conta meno nelle urne

Ha ragione dunque chi parla di scissione tra economia e politica nelle opinioni e i comportamenti degli italiani. Ieri infatti l’Istat ha pubblicato una nuova rilevazione sul livello di soddisfazione dei nostri connazionali per le loro condizioni di vita

Conte: toglieremo le clausole Iva, niente manovra bis. Lite Juncker-Salvini

Alla vigilia del nuovo rating di Fitch atteso per questa sera il rischio di correzione dei conti continua a dominare la scena della finanza pubblica. «Non riteniamo necessaria alcuna manovra correttiva », chiude il premier Conte nel question time al Senato in cui chiarisce la «determinazione del governo» a bloccare le clausole di salvaguardia.

Manovra, Conte la esclude. Scambio polemico Salvini-Juncker

Continua a vedere positivo il premier Giuseppe Conte. L’unica ammissione è sullo scenario economico più complesso del previsto. Per il resto, durante il suo intervento al Senato, Conte sparge ottimismo e rivendica le scelte adottate finora.

Il governo vede la manovra-bis ma Salvini e Di Maio resistono

La manovra correttiva appare ormai inevitabile. Anche il triumvirato che guida il governo l’ha messa in conto. Il Country report confezionato da Bruxelles è la conferma dello scenario da incubo che i gialloverdi si preparano ad affrontare.

La Ue boccia reddito e quota 100. “Misure che riducono la crescita”

Nella manovra 2019 firmata dal governo Conte «non ci sono misure capaci di impattare positivamente sulla crescita di lungo termine». L’impietoso giudizio sulle politiche di Luigi Di Maio e Matteo Salvini arriverà mercoledì prossimo dalla Commissione europea. L’occasione sarà il cosiddetto Country Report, la pagella annuale sullo stato dell’economia dei singoli paesi della zona euro la cui bozza Repubblica è in grado di anticipare.