Seleziona una pagina

L’impronta creativa e il tessile sono tra i grandi volani del Paese

«Confesso:i dati Istat a un primo sguardo mi hanno sorpreso. Dalle assise di Confindustria Moda e da fiere appena concluse come Milano Unica ho avuto la conferma della vivacità, dinamicità e positività che attraversa la filiera, ma un aumento dell’export del 20% a maggio è un segnale concreto davvero importante».

Rischio recessione, Bankitalia gela il governo

IL DATO UFFICIALE arriverà solo a fine mese dall’Istat. Ma sembra ormai certo che, dopo il terzo trimestre, anche gli ultimi tre mesi del 2018 faranno segnare una battuta d’arresto del Pil. Quanto basta per parlare di ‘recessione’, almeno dal punto di vista tecnico.

Le imprese restano piccole ecco perché l’Italia non cresce

L’occupazione è tornata ai livelli di dieci fa, prima che scoppiasse la più lunga recessione dal Dopoguerra. Le esportazioni hanno ripreso a marciare, tanto da fare concorrenza anche al colosso tedesco. In alcune aree del Nord, i redditi pro-capite sono al livello delle regioni più avanzate d’Europa

Pagamenti tra imprese: solo il 22% è «cashless»

Un potenziale enorme, ancora in buona parte inutilizzato e spesso poco conosciuto: i pagamenti elettronici «commercial», ovvero tra imprese e professionisti, sono ancora poco diffusi nel nostro Paese, soprattutto se confrontati al resto d’Europa.

Gli industriali: il Pil frena «Manovrina da 9 miliardi»

L’AZIENDA ITALIA ha appena ripreso a marciare che rischia già una nuova brusca frenata. La previsione è del Centro studi di Confindustria si accompagna all’allarme sul rischio di una manovra correttiva da 9 miliardi nel 2018 e da 11 nel 2019 per tenere in carreggiata i conti pubblici.