Seleziona una pagina

I controlli portano soldi: 17 milioni in 5 anni

PRATO Le irregolarità sono diminuite e sono meno gravi. Anche i dormitori abusivi sono diminuiti, esattamente del 67% dal 2014 ad oggi, sostituiti spesso da superaffollati dormitori esterni ai capannoni. E le sanzioni riscosse in cinque anni dalla task force del Piano regionale lavoro sicuro ammontano a quasi 17 milioni di euro.

Evasori in cella, c’è l’intesa Industriali sulle barricate

ROMA A meno di colpi di scena (più verosimili nel passaggio al Senato), la maggioranza ha trovato un’intesa sul nodo del carcere per i cosiddetti grandi evasori. Due emendamenti dei relatori riducono l’aumento delle pene per i comportamenti non fraudolenti, come la dichiarazione infedele e l’omessa dichiarazione, e rivedono, attenuandola, la disciplina della confisca per sproporzione, prevista per i reati più gravi.

Intesta l’azienda alla zia e nasconde al fisco 12 milioni

La guardia di finanza ha scoperto un grande evasore. Si tratta di un confezionista cinese di 38 anni che è accusato di aver nascosto al fisco ricavi per 12 milioni di euro, evadendo l’Iva per 2, 6 milioni. È il risultato di una serie di verifiche fiscali compiute dal Nucleo di polizia economico-finanziaria che hanno portato alla luce un “imprenditore occulto”, che sarebbe riuscito a evadere le tasse grazie all’interposizione fittizia di sette tra società e ditte individuali intestate a prestanome.

Tari, mancano 5 milioni. Giro di vite sugli evasori

Per chi non è in regola col pagamento dei tributi locali si prevedono tempi duri. Proprio in questi giorni sono in arrivo migliaia di cartelle nelle case e nelle aziende di Prato, Montemurlo e Carmignano per il mancato pagamento della Tari relativa all’annualità 2018.

Tari, ora il Comune fa il «Cerbero». Ma nei macrolotti l’evasione è al top

Un mucchio di puntini rossi e gialli, fitti e ravvicinati e sullo sfondo qualche raro puntino verde. Non è un quadro realizzato con la tecnica del puntinismo ma la mappa dell’evasione sulla tassa dei rifiuti nel comune di Prato a seguito dei controlli effettuati negli ultimi cinque anni. Gli evasori totali (i puntini rossi) e i debitori (quelli gialli) sono la maggioranza e concentrati per la maggior parte tra il Macrolotto Zero e le zone industriali, ovvero le aree dove è più alta la presenza della popolazione cinese, tra residenti e imprese