Seleziona una pagina

«UniCredit e l’impresa: soci in innovazione»

ROMA Competere sui mercati e innovare oggi non sono che due facce della stessa medaglia: quella offerta dalla rivoluzione digitale. Tutto cambia, il mercato, il modo di fare impresa, la visione dei rischi e delle opportunità.

Calano sofferenze e prestiti bancari

La stagnazione economica italiana e la scarsità degli investimenti delle imprese continuano a pesare sull’attività delle banche, che pure continuano a fare pulizia dei bilanci e si appoggiano al mercato dei mutui alle famiglie ed arrestano l’emorragia delle obbligazioni.

Perché le banche concedono meno credito

Il Decreto Legislativo n. 14 del 12 gennaio 2019 sulle crisi di impresa e sull’insolvenza non ha attirato l’attenzione che merita. Il fatto che il decreto preveda l’obbligo per l’imprenditore di dotarsi di un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa e di attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale è sicuramente positivo anche se si tratta di problemi per i quali un vero imprenditore dovrebbe attivarsi comunque e ancora di più quando rischia la crisi.

La sfida di UniCredit. «Uniti per lo sviluppo»

FIRENZE Se banca e territorio uniscono forze, intenti e competenze, è possibile vincere le sfide del cambiamento. Muove da questa convinzione il Forum del Territorio Centro Nord, organizzato da UniCredit come momento di confronto tra il Gruppo e una rappresentanza di imprese, istituzioni e associazioni dell’area che comprende Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche.

Montepaschi, condannati Mussari e Vigni

MILANO Nessuno si è salvato dalle condanne, nessuna banca ha evitato le confische milionarie. I giudici della seconda sezione penale del tribunale di Milano, con presidente Lorella Trovato, sono andati anche oltre le richieste dei pm Mauro Clerici, Stefano Civardi e Giordano Baggio. Condannando a 7 anni e 6 mesi l’ex presidente di Banca Mps Giuseppe Mussari, a 7 anni e 3 mesi l’ex direttore generale di Rocca Salimbeni, Antonio Vigni, a 4 anni e 8 mesi l’ex responsabile dell’area finanza del gruppo Mps, Gian Luca Baldassarri.

Ubi Banca lancia la sfida: «Vicini a famiglie e imprese»

FIRENZE Una banca sempre più solida, che riduce i crediti deteriorati lordi di 2,2 miliardi, con una flessione del 21% rispetto ad un anno fa, e sempre più vicina al territorio. E’ quanto emerge dai risultati al 30 settembre 2019 del gruppo Ubi, diffusi ieri. Soddisfatto il responsabile della macro area territoriale di Lazio, Toscana e Umbria, Cristian Fumagalli.