Seleziona una pagina

“Aspettiamo strumenti per combattere l’illegalità”

«Non so quanti anni sono che chiediamo un’attenzione riguardo alle tematiche sollevate da Tajani nella sua interrogazione. Da notare che si accorge di certe questioni solo adesso, dopo che è stato commissario per l’industria. Meglio tardi che mai».

Gli abusi edilizi? Si scovano con Google Earth

CARMIGNANO Abusi edilizi in aumento a Carmignano. Realizzare manufatti, anche di piccola entità come pergolati o rimesse per le macchine agricole, senza i permessi del Comune può costare multe salate. I cittadini, forse per risparmiare o forse credendo di non essere mai scoperti perché compiono abusi in zone di aperta campagna e quindi lontane dalla vista, in molti casi non si affidano ai tecnici e alla fine si ritrovano a pagare multe e finiscono segnalati in Procura. Il 2020 è partito con una sanzione da 556 euro, emessa dal Comune, per un abuso in via delle Ginestre relativo alla copertura in vetro di un pergolato in legno per il quale non c’era il parere positivo della Sovrintendenza.

L’operaio sfruttato svela l’inferno. «Dodici ore al giorno senza riposi»

PRATO Lavorare 12 ore al giorno, tutti i giorni, senza riposo, domeniche né festivi. Per guadagnare, alla fine del mese, più o meno mille euro. Ai quali, però, togliere 40 euro per ogni giorno di assenza, magari dovuta a malattia. E’ il racconto di una «normale» condizione lavorativa nel distretto illegale.

Fa lavorare clandestini: arrestata

Sfruttava i connazionali ed è finita in manette. La squadra interforze, durante un controllo in una confezione a Coiano-Le lastre, ha scoperto diversi lavoratori clandestini in nero. La titolare è stata arrestata e multata per oltre 40mila euro.

Botti di capodanno, scatta maxi sequestro

Tenevano 250 chili di botti di capodanno vicino ad una caldaia a gas. Non solo, il deposito era a sua volta vicino ad un’attività manifatturiera dove lavoravano diversi operai. E’ stato provvidenziale il sequestro operato dai carabinieri del comando provinciale insieme alla squadra di polizia giudiziaria dei vigili urbani.

Basta rifiuti abbandonati: già 200 multe

PRATO Guai a gettare d’ora in poi rifiuti in strada, sacchi pieni di qualunque genere di immondizia senza aver messo in atto la raccolta differenziata. D’ora in poi saranno guai veri. È partito il pugno duro di Alia e amministrazione contro i furbetti della spazzatura che credono di poter fare quello che vogliono in barba alla città e al decoro. Da alcune settimane sono scesi in campo gli ispettori ambientali di Alia incaricati di controllare e multare (nel caso anche segnalare all’autorità giudiziaria) chi non rispetta le regole del porta a porta e del conferimento.