Seleziona una pagina

Camere di commercio, unite a malincuore

PISTOIA «La Regione Toscana ci ha fatto sapere che, a breve, notificherà alle associazioni di categoria la richiesta dei nominativi per il nuovo consiglio unico, che dovrebbe essere composto da 28 membri». E le associazioni di Pistoia e Prato procederanno come da copione per dare vita alla nuova Camera di commercio unica. Storicamente i due territori non si sono mai amati e, dopo una prima accoglienza favorevole agli annunci del Governo Renzi, adesso si guarda al futuro con qualche timore in più.

Pisa alza il muro «No alla fusione»

PISA Secondo la riforma del governo Renzi, che fissa la diminuzione delle Camere di commercio in Italia da 105 a 60, gli enti di Massa Carrara, Pisa e Lucca dovrebbero accorparsi. Ancora, però, non l’hanno fatto. La Camera di commercio di Massa-Carrara è infatti una delle cinque che ha presentato ricorso al Tar del Lazio e quest’ultimo ha rinviato la questione alla Corte Costituzionale, che si deve ancora pronunciare.

«Camere di commercio. Unite siamo più forti»

Le prime ad aggregarsi in Toscana sono state Livorno e Grosseto. Le Camere di commercio delle due province sono diventate un unico ente con decreto del Presidente della giunta regionale toscana del 14 luglio 2016, nato ufficialmente il 1 settembre dello stesso anno.

Lo scudo è il Colle: no alla chiusura

L’Ilva non può e non deve chiudere. Oltre che devastante per chi ci lavora, provocherebbe un danno economico incalcolabile per l’Italia. Basta dunque con giochini e veti: prima di tutto viene l’occupazione. E dunque, si trovi il modo di rimettere «subito» insieme i cocci a Taranto, gettando sul tavolo uno scudo che tuteli tutte le aziende impegnate in opere di risanamento ambientale.

Il Centro Pecci dà il benvenuto a Bini Smaghi

La nomina di Lorenzo Bini Smaghi a presidente del Centro Pecci è certa, ma non ancora ufficiale. La direttrice del museo Cristina Perrella gioca però d’anticipo e in un certo senso dà il benvenuto al presidente in pectore: «Bini Smaghi è un profilo di assoluto valore e competenza che con i suoi tre mandati consecutivi ha trasformato Palazzo Strozzi a Firenze», il commento a margine della presentazione della nuova mostra al Pecci.

Ottenere fondi dall’Europa? Ve lo insegna la Fondazione

Con occhio attento alla città e ai suoi bisogni, la Fondazione Cassa di Risparmio lancia un nuovo progetto perché le associazioni possano muoversi autonomamente nella ricerca di fondi. E così, dopo la prima esperienza per insegnare la tecnica del crowdfunding insieme alla piattaforma Eppela – quaranta partecipanti e tre progetti concretizzati – ecco che la Fondazione si fa promotrice di un’iniziativa di respiro più ampio.