Seleziona una pagina

«Per fare i pasticceri serve un grande cuore»

«La pasticceria è una professione fatta di duro lavoro, impegno e sacrificio, ma se la ami può regalarti soddisfazioni uniche». Massimo Peruzzi ha ereditato la passione per questo lavoro e per lui le soddisfazioni non mancano.

Si pensa già al futuro, ma non tutti vedono Rai e Mediaset

PRATO Se da un lato i pratesi dovranno a breve abituarsi al nuovo digitale terrestre, dall’altro in provincia restano ancora problemi di ricezione del segnale. Dai canali Rai a quelli Mediaset le zone d’ombra sono ancora sparse a macchia di leopardo sul territorio provinciale, con una particolare prevalenza in Val Bisenzio e nella zona collinare di Prato città.

Serve il televisore nuovo? Test per scoprirlo

PRATO Nuova rivoluzione in arrivo dopo quella del 2009 nel mondo delle televisioni. Dal mese di luglio del 2022, infatti, ci sarà il passaggio al nuovo sistema del digitale terrestre che porterà molte persone a doversi dotare di una tv di ultima generazione o di un nuovo decoder per poter continuare a seguire le proprie trasmissioni preferite.

Assalto al centro massaggi, presa baby gang

Si è fatto fare un massaggio ma quando è andato a pagare anziché saldare il conto per la prestazione ricevuta ha visto bene di usare un paio di forbici per minacciare la massaggiatrice.

Due mesi di controlli gratuiti in officina

PRATO E’ iniziata in questi giorni la campagna ‘Viaggia in sicurezza’ promossa da Confartigianato autoriparazione. Fino al 31 gennaio gli automobilisti potranno prendere un appuntamento in una delle officine che aderiscono all’iniziativa per un check-up gratuito del mezzo. Le verifiche comprendono: i livelli del motore, l’usura delle pasticche dei freni e quella delle gomme (e relativa pressione).

Posti liberi nel digitale e nei vecchi mestieri che nessuno vuol fare

Per quali motivi è così difficile trovare i profili professionali più ricercati? Il panorama è drammatico. A soffrire sono soprattutto le piccole imprese e quelle artigiane. A lanciare l’allarme è da tempo la Confartigianato, che nel suo ultimo rapporto offre le cifre: nel 2018 le imprese hanno registrato difficoltà di reperimento per 1,2 milioni di persone, il 26,3% delle nuove entrate previste, a causa della scarsità di candidati ma anche per la loro inadeguatezza rispetto alle mansioni da svolgere