Seleziona una pagina

Caldo a buon prezzo, con l’efficienza si può

L’obbligo di revisione della caldaia cambia da regione a regione e solitamente è annuale o biennale. Quando viene effettuata, il tecnico specializzato si occupa della manutenzione ordinaria, verificando l’efficienza energetica, ma anche del controllo dei fumi. Se la caldaia non ha problemi la revisione è certificata con il rilascio di un bollino blu o verde, il cui costo, a carico del responsabile dell’impianto (proprietario dell’appartamento o l’inquilino), varia da zona a zona.

Boom in Toscana. Quasi 2 milioni

Secondo il Cit, ovvero il catasto impianti termici, gli impianti accatastati in Toscana sono oltre 1,7 milioni. Nel numero sono comprese tutte le caldaie, dalle più piccole alle centrali termiche, e anche i condizionatori con potenza maggiore ai 12 Kilowatt.

«I controlli rigorosi fanno dormire tranquilli»

La manutenzione annuale della caldaia è indispensabile per una questione di efficienza energetica, ma soprattutto di sicurezza. Non tutti però si sono adeguati. Le Regioni sono incaricate di fare verifiche a campione, ma spesso non basta per fare emergere gli impianti irregolari. Come evitare rischi?

Le offerte? Una giungla. Ma ci si può difendere

Più chiarezza e trasparenza nei processi di vendita e maggiori verifiche sulla volontà del cliente di passare a Estra. È il protocollo innovativo che l’azienda del gas ha firmato con le associazioni di categoria. Un atto non obbligato, ma voluto da Estra per tutelare i clienti troppo spesso subissati di offerte e promozioni.