Seleziona una pagina

P.a. morosa garanzie alle Pmi

Garanzie bancarie a favore delle Pmi in difficoltà a causa dei ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione, semplificazione degli oneri amministrativi in capo a start-up e Pmi innovative, promozione dell’utilizzo delle blockchain, potenziamento del venture capital.

Debiti Pa, si tenta l’accelerazione ma i pagamenti rallentano il passo

«Gran parte dei debiti della Pa verso i fornitori sarà pagata entro l’anno». Quella rilanciata ieri dal vicepremier Salvini entra nella lunga serie di promesse che i governi di questi anni hanno prodotto sul tema. Indica che l’esecutivo giallo-verde sta lavorando sul dossier (come anticipato sul Sole 24 Ore di venerdì scorso).Ma i tempi saranno più lunghi: l’anno di riferimento, se tutto va bene, sarà il prossimo

Sblocca debiti Pa da 15 miliardi

Un raddoppio dell’anticipazione di liquidità ai sindaci, che passa da Cdp e può muovere fino a 15 miliardi per il pagamento delle fatture arretrate E una riedizione dello sblocca-debiti, sempre attraverso la Cassa, che punta a liberare fino a 20 miliardi negli altri comparti della Pa.

L’imprenditore creditore paga le tasse

Se a non pagare è l’amministrazione, l’imprenditore che vanta nei suoi confronti dei crediti deve comunque versare le imposte, pena la contestazione del reato di cui all’art.10 ter del dpr n.74/2000 e l’applicazione delle conseguenti sanzioni di carattere penale.

Per le sofferenze da crediti Pa fondo di garanzia con 50 milioni

Per le imprese in difficoltà coni crediti della Pubblica amministrazione interverrà il Fondo di garanzia Pmi. Il testo (non ancora definitivo) del decreto semplificazioni prevede la creazione di una sezione speciale (si veda «Il Sole 24 Ore» del 14 ottobre), la cui dotazione, prevista tra i zoo e i 300 milioni nelle prime bozze, scende però a 50 milioni.