Seleziona una pagina

Erdogan alla Ue: vi riempio di profughi

I CURDI sotto attacco parlano già di decine di morti, in gran parte civili. Le forze d’invasione turche invece e lo stesso Erdogan sostengono che sono stati uccisi 109 terroristi. Nelle prime 40 ore di conflitto nel nord ovest della Siria al confine con la Turchia

Italia ai tavoli Ue. Ora credibili su riforme e debito

Il ritorno del nostro paese ai tavoli negoziali europei va ora sostenuto con atti concreti. Il cantiere è aperto e passa da un lato dalla revisione e semplificazione di alcuni parametri europei (tra questi il deficit strutturale), dall’altro dalle modifiche che vanno prospettandosi al meccanismo europeo di stabilità (il cosiddetto Fondo salva Stati).

Brexit, meglio correre ai ripari

A due mesi dal D-day, Bruxelles suona l’alarme Brexit. Mentre il parlamento di Londra metteva all’angolo il primo ministro Boris Johnson e la sua linea dura verso il nodeal con l’Unione europea, i vertici della Commissione Ue hanno diramato a reti unificate un bollettino verso tutti i Paesi dell’Unione per mettere in guardia imprese e cittadini dai rischi derivanti dalla possibile uscita del Regno Unito dall’Ue.

Gentiloni vede Ursula: punta agli Affari economici

IL SENSO del primo faccia a faccia tra il candidato italiano alla Commissione europea, Paolo Gentiloni, e la presidente eletta Ursula von der Leyen, a Bruxelles, è tutto racchiuso in un’immagine pubblicata su Instagram, che li ritrae di spalle, intenti a guardare la foto della firma dei Trattati di Roma, in Campidoglio.

Doppia sconfitta per Johnson sulla Brexit

DOPPIA sconfitta per il governo di Boris Johnson ieri in Parlamento, dopo che l’alleanza dei Remainer insieme ai ribelli tory è riuscita prima a far passare una legge contro una Brexit No Deal (che però deve ancora passare dai Lord prima di diventare esecutiva) e poi ha sconfitto la mozione dell’esecutivo per andare alle elezioni anticipate. In una giornata di grande furia contro il governo, la camera bassa di Westminster si è espressa contro Johnson prima per 327 a 300, poi (al secondo voto) per 327 a 299