Seleziona una pagina

Crocifisso, la maggioranza ancora nei pasticci

PRATO L’opposizione già pregusta lo spettacolo di una maggioranza divisa e di nuovo in difficoltà sul caso del crocifisso in consiglio comunale («è ufficialmente crisi nella maggioranza di centrosinistra, spaccata in due sulla mozione presentata da Fratelli d’Italia», ha scritto ieri il consigliere Belgiorno), mentre nella maggioranza si prova a trovare una faticosissima via d’uscita.

La battaglia del crocifisso. Maggioranza in difficoltà

PRATO «Scherza coi fanti, lascia stare i santi». Il sacrestano, nel primo atto della Tosca. E’ un po’ di melodramma, con tutto il rispetto per Puccini, è andato in scena anche in consiglio comunale, giovedì pomeriggio. Baruffe fra i banchi e seduta sospesa, a causa di due mozioni con cui si chiedeva di esporre nel salone consiliare il crocifisso. La prima era stata presentata nei giorni scorsi da Claudio Belgiorno di Fratelli d’Italia.

Il crocifisso imbarazza il Pd e si decide di non decidere

Crocifisso sì, crocifisso no. Meglio rinviare la discussione in consiglio comunale e possibili “imbarazzi” nella casa del centrosinistra, soprattutto se la questione viene posta da una forza di maggioranza. Così ieri pomeriggio, intorno alle 18, è stata sospesa per un’ora la seduta: il casus belli è scoppiato dopo che martedì scorso la lista civica “Biffoni Sindaco” aveva presentato una mozione per collocare il simbolo cristiano nell’aula consiliare.

Preti e politici in campo per la solidarietà

Che il calcio sia amato da un folto pubblico è fuori dubbio e scontato, ma questa volta le simpatie sono andate ancora più in alto. Da Papa Francesco, che come risaputo nutre una profonda per questo sport, alla Val di Bisenzio, dove il nuovo vescovo di Prato, monsignor Giovanni Nerbini, darà il via con il calcio d’inizio alla consueta partita di beneficenza fra dei preti della diocesi e quella degli amministratori e dei politici della Val di Bisenzio e di Prato.

La prima messa di Nerbini. Cita Tolkien davanti alla folla

IERI mattina monsignor Giovanni Nerbini ha presieduto il suo primo pontificale in cattedrale da vescovo di Prato. Nonostante il maltempo sono stati numerosi i fedeli che hanno partecipato alla messa solenne dell’8 settembre. Nell’omelia il vescovo ha citato Tolkien: «In uno dei suoi romanzi scrive che Dio crea il mondo come se fosse una bellissima melodia

«E’ simpatico e sorride: ci piace davvero»

L’INGRESSO del vescovo in piazza delle Carceri ha conquistato per la sua semplicità e spontaneità giovani e adulti. Già dal primo pomeriggio di ieri i giovani del Movimento Scout di Prato hanno animato la piazza distribuendo palloncini colorati. «E’ un uomo giovanile e simpatico»: questi gli aggettivi che per i fedeli meglio descrivono monsignor Giovanni Nerbini, nuovo vescovo della città.