Seleziona una pagina

Sicurezza, il sindaco ha incontrato Conte

Il sindaco Matteo Biffoni, in qualità di delegato immigrazione per l’Associazione nazionale comuni italiani, ha partecipato ieri a un incontro tra una delegazione dell’Anci e il presidente del consiglio Giuseppe Conte sul tema del decreto sicurezza

Nel 2018 a Prato meno furti, rapine e scippi

Nel 2018 i reati a Prato sono calati mediamente del 5-6%. Un dato che si riferisce all’attività del Comando provinciale carabinieri, quindi riferito a tutti i comuni della provincia, che conferma la tendenza già evidenziata dagli analoghi dati della Questura.

Sempre più telecamere: smascherano anche al buio

SEI NUOVI «occhi elettronici« sono stati aggiunti al sistema di videosorveglianza della città. Ora in totale sono 146 le telecamere (comprese quelle di controllo targhe non a scopo sanzionatorio) che sorvegliano i vari quartieri di Prato e le aree sensibili individuate dalle forze dell’ordine e dal Comune, anche dando seguito ad alcune segnalazioni dei cittadini.

«Furbetti e pirati stradali. Così nessuno ci sfugge»

SONO state installate per la pubblica sicurezza e finora sono riuscite a inquadrare anche alcuni pirati della strada (l’ultimo caso in ordine di tempo si è verificato in piazza del Mercato Nuovo dove fu investito un pedone e il responsabile fu preso pochi giorni dopo grazie alle immagini registrate) e moltissimi cittadini che smaltiscono rifiuti illegalmente, soprattutto i cascami tessili in via Toscana al Macrolotto.

Come evitare le truffe. Lezioni dei carabinieri grazie a Confesercenti

CONTINUA anche nel 2019 l’impegno di Confesercenti per il progetto Sicurezza Partecipata. La Fipac Prato, il sindacato dei pensionati di Confesercenti, organizza subito un nuovo incontro per dire basta alle truffe agli anziani e in particolare offrire consigli utili e presentare buone pratiche a tutti i partecipanti

Confcommercio: emergenza criminalità

FIRENZE – UN ARGINE alla criminalità, lotta serrata alla contraffazione, più tutele per i commercianti «perché un bel negozio aperto è anche un presidio contro il degrado». Anna Lapini, presidente di Confcommercio Toscana e componente della giunta nazionale dell’associazione incaricata per legalità e sicurezza, chiede di alzare il livello di attenzione sugli allarmi lanciati dalla categoria.