Seleziona una pagina

Puggelli: “Interventi nei punti critici della 325”

«QUANDO accade una tragedia del genere non si può che essere dispiaciuti. La questione della sicurezza della ‘325’ ci sta molto a cuore. Ci siamo già mossi in questo senso, indipendentemente da quello che è successo ai due anziani coniugi».

Auto sbanda, arriva il tir: uccisa coppia di anziani

SONO morti a dieci minuti di distanza l’uno dall’altra. Marito e moglie, Fabio Domenici (84 anni) e Anna Bruni (85 anni) hanno trovato la morte insieme su quella maledetta curva prima dell’abitato di Vaiano, lungo la ex statale «325».

La sicurezza che non c’è. Già 5 tragedie in 4 anni

IN QUATTRO anni 145 feriti e cinque morti. È il bilancio terribile della 325, una manciata di chilometri d’asfalto che collegano Prato con l’alta Valbisenzio. Una strada difficile per conformazione, ogni giorno attraversata da oltre 20mila veicoli di cui quasi duemila mezzi pesanti, costellata da continui cantieri stradali che la rendono una delle arterie più problematiche della provincia.

Ventimila mezzi al giorno sulla 325. ‘La strada non regge un traffico così’

«CONTINUI rallentamenti causati dai mezzi pesanti», «cantieri improvvisi», «incidenti» e «tratti pericolosi». Muoversi in vallata sulla Sr325 è sempre più difficile. Tante le lamentele; molte le idee dei cittadini per risolvere un disagio che aumenta col passare degli anni. «Una strada alternativa», «il potenziamento del trasporto pubblico con un occhio verso la ciclabile», oppure «una metropolitana di superficie».