Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 12/01/20
Pubblicato in: Sociale
Scritto da:
Pubblicato su: LA NAZIONE

FIRENZE Tutto è iniziato con la chiusura del panificio. A Monticello Amiata, comune di Cinigiano nel grossetano, vivono poco più di quattrocento persone. Il forno, che dava lavoro a diversi, qualche anno fa ha tirato giù i battenti e tre giovani professionisti del luogo – un italiano, un turco e un egiziano – si sono inventati una nuova attività che ruota attorno alle castagna a chilometro zero. Così è nata nel 2016 la Biofan. Poi l’azienda si è trasformata in cooperativa di comunità ed è diventata uno dei ventiquattro progetti di tutta la Toscana che la Regione a fine 2018 ha finanziato con un milione e duecento mila euro. Una realtà visitata oggi dall’assessore regionale alla partecipazione Vittorio Bugli. Dal panificio, racconta il presidente Lorenzo Fazzi, escono prodotti bio e salutistici di alta qualità, un biscotto salato e un succo di castagne, sviluppati assieme a università e Cnr, un esempio di come innovazione e tradizione possono andare a braccetto. Ma la coop, che ha affittato nel frattempo 25 ettari di bosco, vende anche castagne sfuse e farina. Sogna, per il futuro, la realizzazione magari di un albergo diffuso pensando allo sviluppo turistico, si occupa anche della pulizia dei sentieri e sta creando posti di lavoro: anche per alcuni ragazzi migranti del locale centro di accoglienza, chiuso un anno fa a febbraio, che hanno deciso di rimanere. «Si tratta di un’esperienza positiva, simile a quelle che stanno fiorendo in molti altri luoghi. Quando un anno e mezzo fa siamo partiti c’era una sola cooperativa di comunità in tutta la Toscana – racconta Bugli -. Oggi sono 24 e con il nuovo bando che sta per uscire, finanziato con altri 740 mila euro, puntiamo raddoppiarle». Un altro esempio nel grossetano è quello di San Giovanni delle Contee nel comune di Sorano, dove la cooperativa di comunità ha riaperto l’osteria locale, facendone punto di promozione della cucina e dei prodotti del posto, edicola e luogo di promozione turistica.

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email