Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 10/01/19
Pubblicato in: Infrastrutture
Scritto da:
Pubblicato su: LA NAZIONE QN

È UN GIALLO la conclusione dell’analisi costi/benefici sulla Tav Torino-Lione. Uno degli esperti nominati dal governo nella commissione incaricata di analizzare pro e contro dell’opera, il professor Marco Ponti, ha annunciato ieri che la documentazione è stata consegnata al governo. Ma il ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ha precisato che «il documento è solo una bozza preliminare di analisi costi-benefici sulla Tav e che è allo studio del Mit per un vaglio di conformità rispetto alle deleghe affidate ai consulenti del ministero». Il Mit ha precisato, inoltre, «che l’analisi di carattere tecnico-economico e la parallela analisi giuridica andranno condivise con la Francia, la Commissione Ue e in seno al governo, prima della loro pubblicazione». Lo scontro è stato alimentato da quella che alcuni hanno considerato una fuga in avanti di Ponti, noto per le sue posizioni contrarie alla Tav. Ma il professore ha voluto chiarire: «L’analisi costi/benefici vale per tutta la collettività. Per questo sono stati considerati anche i costi in carico alla Francia: oggi l’opera intera costa tra i 10,5 e gli 11 miliardi di euro». Chiamparino ha ribadito il costo per l’Italia: «Sulla base dell’accordo 2017 – ha detto – è di 4 miliardi e 739 milioni, di cui 1,7 per la tratta nazionale. Sabato sarò alla manifestazione Sì Tav».

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email