Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 30/11/19
Pubblicato in: Politica
Scritto da: Elena G. Polidori
Pubblicato su: LA NAZIONE QN

ROMA Il finanziamento della politica è un tema annoso che l’inchiesta sulla Fondazione Open ha riaperto in modo prorompente dopo che il contributo statale è stato cancellato da anni. L’attività politica, tuttavia, è costosa e senza il finanziamento pubblico, l’unica via resta quella privata, che – come evidenzia proprio il caso Open – può rivelarsi rischiosa. Intrecciando la questione del sostentamento alla politica con quella dell’attività della magistratura. Un nodo gordiano che proprio Matteo Renzi, da giorni nel ciclone delle polemiche, ha riportato in primo piano, ribadendo che a suo giudizio «era giusto cancellare il finanziamento pubblico ai partiti». «Non mi pento. Ma ora – ha sottolineato l’ex premier – non bisogna criminalizzare chi finanzia la politica. Serve un dibattito parlamentare su che cosa è un partito e che cosa no». Insomma, abolito il finanziamento pubblico, ora però si deve garantire un modo di sovvenzionare la politica trasparente da parte dei privati. Tuttavia proprio nei rapporti tra fondazioni, privati e partiti, si consuma la polemica più accesa e la richiesta di un chiarimento. «Aspettiamo gli esiti dell’indagine», ha osservato il ministro per il Sud, il dem Giuseppe Provenzano, che poi ha aggiunto: «Certo, dopo l’abolizione finanziamento pubblico non abbiamo fatto una legge sui partiti, sulle lobby, sulla trasparenza. Il Parlamento dovrebbe occuparsi di questo». C’è chi, poi, come Luca Lotti sottolinea la necessità di una legge sulle lobby e chi come Andrea Romano ritiene un errore aver abolito il sostegno pubblico ai partiti. Forza Italia, invece, per voce del suo vicepresidente Antonio Tajani, ha auspicato un ritorno al passato: «Noi crediamo che sia stato un errore chiudere ogni possibilità di accesso al finanziamento pubblico. Forse – ha osservato l’ex presidente del Parlamento europeo – bisogna cominciare a riflettere». Sulla stessa linea l’azzurra Deborah Bergamini: «O finanziamenti pubblici o lobby legali, non c’è altra via», sintetizza. I grillini, invece, continuano a tenere alto lo scontro, ribadendo la richiesta di una Commissione d’inchiesta sull’argomento dei contributi alle forze politiche, già richiesta dal capo politico Luigi Di Maio («sulla commissione di inchiesta sul finanziamento ai partiti non indietreggiamo»), idea sostenuta anche da Alessandro Di Battista, tornato ieri a far parlare di sé per il nuovo asse con Di Maio e la possibile ‘nostalgia’ di entrambi per Salvini: «Dico una cosa ai miei ex-colleghi – ha detto ‘Dibba’ – accelerate sul conflitto di interessi, sulla nazionalizzazione di autostrade, sulla commissione di inchiesta sul finanziamento ai partiti, sul recupero dell’Imu non versato dagli istituti religiosi – conclude l’ex deputato M5s – i renziani voteranno di tutto».

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email