Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 10/01/19
Pubblicato in: Politica
Scritto da: Francesco Ghidetti
Pubblicato su: LA NAZIONE QN

UN SUCCESSO, senza dubbio. Matteo Salvini, leader della Lega, vicepremier e ministro dell’Interno vola a Varsavia e pianta paletti per lanciare la sua «Internazionale sovranista». Obiettivo: sbancare alle Europee del 23-26 maggio. S’incontra con il leader del Pis, destra dura e pura, Jaroslaw Kaczinski. L’obiettivo: essere il primo gruppo a Strasburgo dopo le elezioni di maggio. Il colloquio col leader polacco dura due ore. Al termine, facce sorridenti e l’italiano che scandisce: «Siamo d’accordo al 90 per cento». In effetti, qualche tassello manca. A esempio sui rapporti con zar Putin. Salvini è dalla sua parte senza dubbio alcuno. Kaczinski per niente. E poi c’è Marine Le Pen: il Rassemblement National non piace molto ai polacchi. «Troppo europeisti», dicono. IL CAPO leghista vuol fare come in Italia: stipulare un «contratto» per l’Europa, «affinché non sia quella delle finanze, delle banche e della distribuzione». E, ovviamente, dei migranti e delle famiglie socialiste e popolari. Ma attenzione: Salvini ha in mente un progetto più ampio. Mettere insieme polacchi, lepenisti, popolari danesi, sloveni di Sds, austriaci di Fdo, democratici svedesi, Afd tedesca. L’agenda? Fitta di impegni. L’Afd sarà protagonista del prossimo faccia a faccia così come gli spagnoli di Vox, new entry nell’universo della destra sovranista. Quindi, si tireranno le somme e si deciderà per una convention europea. E SUL FRONTE populista? Si muove (ma più a fatica) anche il M5S. Una rockstar anti-abortista, un leader 28enne che si batte per il diritto alla casa, la cofondatrice di un movimento finlandese per la democrazia diretta sono i tre interlocutori che Luigi Di Maio incontra a Bruxelles per creare un nuovo gruppo all’Europarlamento. Sono Pawel Kukiz, Ivan Vilibor Sincic e Karolina Kahonen, fondatori, rispettivamente, dei movimenti Kukiz’15 in Polonia, Zivi zid in Croazia e di Liike Nyt in Finlandia. Il più famoso è Pawel Kukiz, cantante rock polacco che ha fondato un movimento anti-establishment di destra che si batte per il superamento dei partiti tradizionali e a sostegno della democrazia diretta.

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email