Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 06/12/18
Pubblicato in: Illegalità
Scritto da: Silvia Bini
Pubblicato su: LA NAZIONE CRONACA PRATO

«OGNI mattina passeggio lungo l’argine del torrente Furba, vedo lavorare i contadini cinesi e compro la verdura che coltivano». Ce lo racconta una residente di Seano dopo aver letto l’articolo pubblicato ieri a seguito delle segnalazioni inviate al numero Whatsapp della redazione (337.1063052). C’è quindi chi ammettere di fare acquisti dai cinesi e chi invece presenta un esposto come Marco Boretti, che ha promosso una raccolta firme contro il proliferare di orti cinesi. «Gli ortaggi sono buoni», aggiunge la donna. Il problema denunciato dai Carabinieri della Forestale e dai professori di Agraria del Datini non riguarda certo il sapore delle verdure, quanto i prodotti e le sementi utilizzate. I controlli hanno evidenziato che i contadini cinesi usano fitofarmaci importati dalla Cina e vietati in Italia e sementi senza alcuna tranciabilità. Solo cinque giorni fa un controllo in alcune serre cinesi a Iolo ha evidenziato irregolarità in materia di gestione dei rifiuti, presenza di stranieri irregolari e lavoratori in nero, nonché illeciti in materia di prevenzione, igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro. Non si tratta della regola per carità, ma solo i controlli nelle serre possono sciogliere ogni dubbio e constatare se si tratta di colture legali o meno. Anche la vendita dovrebbe essere regolamentata: acquistare patate, cavoli, e fagiolini direttamente dal contadino nel campo dove li produce lascia qualche dubbio sul rispetto delle regole della vendita al dettaglio. Intanto in redazione continuano ad arrivare le segnalazioni sulla presenza di orti cinesi: ad inviarci una carrellata di foto scattate nella zona del Coderino a Iolo è stato Marco Boretti, che ha presentato un esposto insieme ad alcuni residenti della zona. Nella denuncia segnala la presenza di serre (documentate dalle immagini), dormitori abusivi di braccianti, uso di diserbanti. Oltre a segnalare commercianti italiani intenti ad acquistare verdure e ortaggi.

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email