Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 11/07/19
Pubblicato in: Economia
Scritto da: Dario Di Vico
Pubblicato su: CORRIERE DELLA SERA

L’incremento è stato nettamente superiore alle aspettative eppure non ci sono le condizioni per inquadrare il +0,9% della produzione industriale di maggio come un’inversione di tendenza. Gli analisti sono portati a considerarlo «un rimbalzo» dovuto a fattori climatici e di calendario. Rimbalzo perché lo scatto di maggio fa seguito a due mesi fortemente negativi (marzo e aprile cumulati avevano segnato -1,8%), perché alla fine non riuscirà che a mitigare il risultato negativo della produzione industriale del secondo trimestre e, amaro in fondo, perché non sposterà l’ago del Pil di aprile-giugno pronosticato (per il 31 luglio) con una performance vicina allo zero. Il carattere di rimbalzo trova, infine, una dimostrazione nella spinta dei beni durevoli (mezzi di trasporto soprattutto) e dei beni strumentali che erano caduti con maggior peso nei mesi scorsi e che di conseguenza si sono giovati di un riallineamento. Insomma l’industria italiana resta un paziente sotto osservazione e il dato di ieri non cambia la diagnosi degli analisti. Del resto vedere nelle previsioni internazionali che i Paesi di coda sono i manifatturieri, come Germania e noi, genera più di qualche inquietudine sulle prospettive di medio periodo. Sullo sfondo c’è sempre la crisi di transizione dell’automotive incamminato verso l’elettrico ma con un timing incerto e con una clientela quantomeno disorientata. Preoccupano poi alcune crisi, come quella dell’ArcelorMittal di Taranto, che qualora avesse un esito negativo comprometterebbe anche i rapporti di fornitura di una buona parte dell’industria del Nord. Infine non è chiaro come le imprese italiane stiano implementando il processo di digitalizzazione. Rispetto a questi interrogativi notizie positive come l’abbassamento dello spread non riescono purtroppo a «mordere», ci vorrebbe un nuovo clima di fiducia per far ripartire gli investimenti. Allora sì che potremmo parlare di un’inversione di tendenza

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email