Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 30/11/19
Scritto da: Alessandro Pistolesi
Pubblicato su: LA NAZIONE CRONACA PRATO

PRATO Il marciapiede della discordia. Il nuovo intervento in via Ferrucci fa discutere e spacca in due l’opinione di commercianti e residenti della zona. C’è chi lo trova utilissimo, perché protegge pedoni e viaggiatori in attesa di salire sull’autobus e chi invece lo detesta perché ha tolto spazio per le manovre e ristretto la carreggiata. Tra i più arrabbiati ci sono Amedeo Cristea dell’alimentari Moldova e Antonio Rossi del Caffè Il Cremino. Da quando è stato realizzato il nuovo ‘marciapiedone’ le loro attività hanno subìto un calo drastico degli affari. «La strada era più larga e c’era spazio per la sosta – attacca Amedeo – Ora il traffico scorre molto più lento e non si ferma nessuno. Per colpa dell’ingorgo costante che si è creato c’è anche chi evita di passare da via Ferrucci». Due rapidi conti lo hanno spinto a una riflessione più ampia. «I clienti sono calati del 20-30% e se le cose non cambiano sarà dura andare avanti. Aspetto le fine delle festività, poi valuterò se abbassare per sempre la saracinesca». Sono parole che si trascinano dietro rabbia e amarezza. La stessa che esplode dalle considerazioni di Antonio, titolare del Cremino, che la sua decisione l’ha già presa: «Chiuderò l’attività – dice – Una scelta presa con sofferenza, ma inevitabile. A cosa serve un marciapiede così grande? A me hanno tolto quattro posti auto di fronte al bar, è normale poi che i negozi chiudano e gli uffici pure. Adesso sto cercando di vendere il locale, ma nessuno si avvicina perché vedono che intorno non c’è un negozio aperto. Da quando è iniziato il cantiere in via Ferrucci gli avventori sono dimezzati. E nessuno mi aiuterà a pagare le bollette o l’affitto». La pensano diversamente le attività che offrono altri tipi di servizi, come il negozio di acconciature Vanità: «I miei sono tutti clienti affezionati e per noi i disagi sono pari a zero – afferma la titolare Paola Moccia – Anzi, il nuovo marciapiede è stato accolto con piacere dai frequentatori del negozio, qui siamo tutti soddisfatti. Ora aspettiamo gli alberi e le panchine. I cambiamenti spaventano sempre, ma in questo caso la situazione è migliorata». Gabriele Macelli di ‘Doctor tv’ si è ritrovato con il cantiere proprio davanti all’ingresso del negozio: «Sì forse un po’ invasivo, ma approvo l’intervento. La pavimentazione è gradevole, secondo me si è data un’impronta più vivibile a via Ferrucci». Soddisfatti anche i proprietari di Magic Maze, negozio di svago e gaming: «Problemi per i posti auto noi non ne abbiamo avuti, perché i nostri clienti parcheggiano nel piazzale Tosca Brunini, anche se lì è capitato di qualche atto vandalico sulle auto – racconta Giovanni Conti – Capisco i disagi di alcuni colleghi ma per noi in via Ferrucci sta venendo un bel lavoro, un po’ come in viale Montegrappa. Ora ci aspettiamo anche le panchine e qualche lampione in più». Che la maxi area pedonalizzata abbia incassato consensi lo conferma anche l’altro titolare dell’attività, Daniele Ghelli: «Il marciapiede più grande è funzionale, anche i nostri clienti lo hanno apprezzato, speriamo che nessuno lo prenda d’assalto con la sosta selvaggia, sarebbe un peccato».

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email