Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 10/10/19
Scritto da: Paolo Nencioni
Pubblicato su: IL TIRRENO CRONACA PRATO

Non ci sono più i soldi per la nuova piscina di Iolo. O meglio, secondo il sindaco Matteo Biffoni non ci sono mai stati e bisognerà trovarli.A pagina 186 della nota di aggiornamento del Documento unico di programmazione, il documento che la giunta deve presentare al consiglio comunale entro il 31 luglio e che è il principale strumento per la guida strategica e operativa dell’ente, nell’elenco degli interventi ereditati dal precedente programma, “non riproposti e non avviati”, alla voce “nuova piscina di Iolo” figura l’importo di 4 milioni e 800mila euro, non riproposto perché, si spiega, è stato «sostituito con intervento riqualificazione piscine».Biffoni conferma che le cose stanno così, ma chiarisce che quei soldi non ci sono mai stati, perché ancora non c’è un progetto esecutivo. «Abbiamo fatto la manifestazione di interesse pubblico – spiega il sindaco – è c’è un progetto di massima. Quando sapremo con esattezza quanto può costare la nuova piscina cominceremo a cercare i soldi». Un’idea del costo c’è già, sugli 8 milioni di euro. Scartata l’ipotesi di impiegare una parte di quanto incassato dal Comune per la vendita del terreno di Iolo a Sauro Bigagli (32 milioni), bisognerà attingere a bandi europei o a un prestito. Il sindaco ha già in mente come potrà essere almeno in parte ripagato: coi risparmi della manutenzione invernale della piscina di via Roma. Perché l’idea sarebbe di fare la piscina olimpionica a Iolo, accanto (e collegata) a quella piccola che c’è già e tenere quella di via Roma aperta solo d’estate. In Comune calcolano che la manutenzione annuale di via Roma costi sui 350.000 euro.La nuova piscina di Iolo è stata presentata ufficialmente alle società sportive lo scorso 8 marzo e di fatto è diventata anche argomento di campagna elettorale. In quell’occasione, in realtà, non sono state fatte promesse precise, soprattutto sui tempi. E il sindaco, memore delle lentezze da bradipo nelle procedure per l’abbattimento del vecchio ospedale e per il sottopasso del Soccorso, si mantiene cauto. Sarebbe contento di avviare i lavori a Iolo entro la fine della legislatura, per vedere i primi tuffi nella legislatura successiva. Dunque al momento bisogna fare con quello che si ha ed è stato deciso di iscrivere i 4,8 milioni nel capitolo della manutenzione e ristrutturazione delle strutture esistenti. Manutenzione che avverrà a rotazione, chiudendo per periodi anche abbastanza lunghi le piscine già disponibili.Due anni fa lo stesso sindaco pensava di riuscire a coprire in maniera definitiva la piscina di via Roma, ma si è visto che il gioco non valeva la candela e così ora si batte la strada alternativa. I nuotatori pratesi dovranno portare pazienza. Prima di quattro o cinque anni la piscina olimpionica non sarà realtà.

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email