Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 11/09/19
Scritto da:
Pubblicato su: LA NAZIONE CRONACA PRATO

DA UN SOLO clic a 120 giorni per aprire un’attività commerciale, produttiva o edilizia. Sono i tempi di legge che in media vengono rispettati dal Comune di Prato per rilasciare le autorizzazioni per aprire un negozio, verificare il rispetto di tutte le prescrizioni o arrivare ai nullaosta paesaggistici. La procedura è completamente telematica: dopo un primo passaggio allo sportello del Sueap (sportello unico edilizia e attività produttive), dove vengono fornite tutte le informazioni necessarie per aprire un’attività a seconda della tipologia scelta, si passa poi alla modalità informatica. Qui si può presentare la Scia (necessaria per aprire un piccolo negozio di vicinato o di somministrazione, oppure per le attività edilizie) o per richiedere le autorizzazioni preventive (siamo nel caso in cui c’è bisogno del via libera di un altro ente per procedere con l’apertura dell’attività). Nel caso di Scia per l’edilizia il Comune ha 30 giorni di tempo per verificare che tutto sia a norma, mentre per le attività di commercio di vicinato e di somministrazione ci sono due mesi. Per le autorizzazioni preventive ci si aggira sui tre mesi per ottenere il nullaosta, mentre nel caso di aperture di grandi strutture commerciali allora si deve passare dalla conferenza dei servizi che comporta un’attesa fino a quattro mesi. «Allo sportello – spiegano dal Comune – spieghiamo di cosa c’è bisogno per aprire l’attività. Poi il consiglio è quello di rivolgersi a un tecnico che conosce tutte le normative. Una su tutte, per quanto riguarda il commercio, quella relativa ai bagni. Sia la Scia che le altre domande possono essere mandate solo on line o in alcuni casi tramite pec». Conferme sul funzionamento del sistema arrivano anche da Confartigianato: «Con la Scia immediata – spiegano – le richieste vengono smaltite velocemente. Per le pratiche per l’apertura di nuove imprese può bastare anche un solo giorno».

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email