Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 11/09/19
Pubblicato in: Vita in Città, commercio
Scritto da:
Pubblicato su: LA NAZIONE CRONACA PRATO

SARÀ la novità, sarà che è il primo locale del genere, fatto sta che da nove giorni davanti al primo bubble tea del centro c’è una fila continua. Centinaia di ragazzini, famiglie, bambini in questi giorni si sono messi in coda per assaggiare la bevanda esportata da oltreoceano. Duemila i fallower su Facebook (come recita la grande scritta ‘2000 grazie’ affissa alla porta di ingresso), insomma un successo davvero inatteso. Il locale ha aperto la settimana scorsa all’inizio di via Ricasoli e la novità è subito piaciuta. Da giorni basta passare davanti alla porta d’ingresso per capire la portata dell’interesse che si è generato attorno al gustoso the aromatizzato ai gusti della frutta. Finora in città si poteva assaggiare il vero bubble tea nella zona di via Pistoiese.
SI TRATTA di una bevanda a base di the inventata a Taiwan negli anni ’80. In via Ricasoli si possono trovare due varietà tra le quali scegliere: infusi fatti con vere foglie foglie di the verde e the nero a scelta dei clienti. Poi da aromatizzare a piacere. In particolare si può arricchire la bevanda, servita in biccheri bio, con latte e perle di mais e gelatina piene di succo di frutta. Ognuno può scegliere il gusto e la dolcezza a proprio piacimento. Il locale di Prato arriva a ruota dopo altre aperture in varie città toscane: ‘Bobble Bobble’, come si legge sull’insegna, è un marchio di franchising creato dall’omonima azienda di Lucca.
«NON ci aspettavamo una risposta così, grazie a tutti davvero», è il rapido commento dei dipendenti del negozio mentre servono bicchieri stracolmi di the alle decine di clienti in coda. Sì, perché anche ieri pomeriggio la fila arrivava ben oltre la porta di ingresso: il locale è aperto dalla mattina a mezzogiorno fino alla sera dopocena, almeno ancora per qualche settimana fino a quando resisterà la bella stagione. Una buona notizia per il centro città che si unisce alla riapertura del vicino bar Magnolfi.

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email