Seleziona una pagina

Popolari, alle Pmi nel 2018 finanziamenti per 30 miliardi

L’acquisto del 40% Arca Holding, uno dei principali attori del risparmio gestito, da parte della Banca Popolare Emilia Romagna (Bper) e della Banca Popolare di Sondrio, avvenuto a pochi giorni di distanza dall’acquisto, sempre da parte di Bper, di Unipol Banca da Unipol che punta al 20% del capitale della stessa Bper, è la dimostrazione che il “risiko” italiano del mondo del credito iniziato quest’anno è destinato a proseguire appunto nel segno delle banche popolari

Nel commercio confronto in salita sui limiti alle aperture domenicali

C’è chi non arretra di un millimetro e si ostina a difendere a spada tratta il modello attuale, quello del “sempre aperto”. Ma, allo stesso tempo, c’è anche chi fa notare come la liberalizzazione selvaggia varata nel 2011 dal governo Monti abbia prodotto più danni e svantaggi per i lavoratori

Sono sempre le Pmi a spingere la crescita

Motore dell’economia italiana durante gli anni della crisi, le piccole e medie imprese continuano a essere la chiave di volta della competitività del nostro Paese. È a loro che si deve il 50% del nostro export manifatturiero e l’exploit dell’avanzo commerciale del manifatturiero, passato dai 31,5 miliardi del 2010 ai 98 miliardi previsti nel 2020.

La fattura elettronica parte male

Dal primo di gennaio tutte le aziende italiane dovranno emettere fatture in formato elettronico, ma non si può dire che il sistema sia pronto. Ci sono ancora problemi tecnici, organizzativi e anche normativi, avverte Nicola Mavellia dell’Istituto Nazionale di Ragioneria, istituto privato non profit di docenti e professionisti

Confindustria: c’è rischio-recessione la legge di bilancio va riequilibrata

Dal mondo produttivo arriva l’invito al governo a mostrare «buon senso e pragmatismo», riequilibrando la manovra. E nello stesso giorno in cui Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, si dice preoccupato, Luigi Di Maio in Veneto cerca di riannodare un dialogo interrotto, in particolare, dal varo del decreto dignità. Boccia argomenta i suoi timori.