Seleziona una pagina
Data Pubblicazione: 13/09/19
Pubblicato in: Servizi, Sociale
Scritto da: Lisa Ciardi
Pubblicato su: LA NAZIONE CRONACA PRATO

SONO CIRCA 500mila gli studenti toscani che si preparano a entrare in aula lunedì prossimo, dalla scuola dell’infanzia alle superiori. E mentre si aspetta la prima campanella, la Regione fa il punto sul calo dei Neet, ovvero dei giovani che non studiano né lavorano, e sulla diminuzione dell’abbandono scolastico. A presentare i dati, ieri, l’assessore regionale all’istruzione Cristina Grieco, che ha mandato anche un messaggio di auguri al mondo della scuola.
PARTENDO dai numeri, in Toscana si preparano al nuovo anno scolastico 62.144 bambini per la scuola d’infanzia, 146.684 per la primaria, 99.854 ragazzi per la secondaria di primo grado e 167.236 per quella di secondo grado, per un totale di 475.898 studenti. Aggiungendo poi gli istituti paritari la cifra lievita sopra i 500mila totali. Scende il tasso di dispersione scolastica in Toscana: dal 16% di 4 anni fa al 10,6% attuale. «È un record nazionale – ha detto l’assessore Grieco – e un’analoga diminuzione si è registrata nei Neet, che sono oggi il 21% contro una media nazionale del 26-27%. Vorremmo poi iniziare un percorso che ci porti ad avere nidi gratis. Non si può fare in pochi mesi, ma ci deve essere intanto un impegno a abbassare le rette». Novità positive anche per il «pacchetto scuola», cioè l’insieme degli incentivi economici per libri, materiali, attrezzature e trasporto scolastico erogati dalla Regione, sia attraverso fondi propri che derivanti dallo Stato, a favore di famiglie in condizioni economiche svantaggiate. Quest’anno sono stati innalzati il parametro Isee e l’importo del «buono», ma soprattutto sono state velocizzate le procedure. Le risorse sono state infatti liquidate ai Comuni in agosto, con l’obbiettivo di raggiungere le famiglie già alla partenza del nuovo anno scolastico, per non costringerle ad anticipare le somme. Saranno 30.494 gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado e dei percorsi di formazione professionale a usufruire della misura (erano stati 26.826 lo scorso anno). Il pacchetto ammonterà a 300 euro ciascuno (280 nel 2018). Sarà invece di 5mila euro il contributo assegnato ai ragazzi (16 in tutto) residenti nelle isole del Giglio e di Capraia, che frequentano le superiori sul continente. «Nell’augurarvi un anno scolastico di soddisfazioni e risultati – ha detto ancora l’assessore Grieco – vi invito a vivere questo tempo di scuola come una grande ricchezza per la vita. Quest’anno ricordiamo Leonardo da Vinci nel cinquecentesimo dalla sua morte e invito tutti a pensare in grande per fare della nostra vita un capolavoro».

Print Friendly, PDF & Email


TORNA ALLA RASSEGNA STAMPA

Print Friendly, PDF & Email